aeonium
Pianta grassa Foto©Pixabay)
Advertisement

L’aenonium o eonio è un genere di piante sempreverdi, comunemente conosciute anche come piante grasse, che fanno parte della famiglia delle crassulaceae.

È una pianta molto coltivata e molto apprezzata sia per la sua facilità di coltivazione, sia per il suo aspetto piacevole e particolare.

La pianta aeonium

L’aenonium è una pianta dal fusto carnoso che termina in apici rosette singole, più o meno distanziate dal terreno, composte da foglie che variano come colorazione (a seconda della varietà) dal verde brillante al nero. Gli steli sono riconoscibili per il loro colore rosso mattone e a partire da essi, nel giusto periodo spuntano i fiori.

Alcune varietà rimangono piccole, circa 15 cm di altezza, mentre altre possono raggiungere anche i 2 metri.

piante grasse
Pianta grassa succulenta Foto©Pixabay)

Come coltivare aeonium

L’aeonium si coltiva principalmente in vaso, preferibilmente di terracotta e non di plastica e di dimensioni ridotte, in quanto è necessaria una migliore traspirazione e di conseguenza meno umidità che farebbe marcire la pianta. Soltanto in alcune regioni con clima adatto e avendo a disposizione alcune varietà si può pensare di coltivare aeonium in terra, meglio se in un giardino roccioso in modo da avere le stesse caratteristiche di drenaggio e relativa povertà del terreno che prepareremo in vaso.

Per quanto riguarda il clima l’ideale per l’aeonium è il caldo, durante la fase vegetativa la temperatura deve essere almeno tra i 18 e i 25 gradi centigradi, alcune specie però sono abbastanza rustiche da sopportare, in inverno, anche temperature fino a -2 gradi centigradi.

Terreno

Il terreno di queste piante deve essere povero e ben drenato, si può acquistare direttamente pre-composto in negozio oppure si può preparare mischiando 25% di terriccio, 70% di sabbia e 5% di perlite. È molto importante che dreni bene l’acqua quindi si deve isolare il fondo del vaso con della pozzolana o argilla.

Le specie aeonium colorate possono vanno esposte principalmente in mezz’ombra, mentre quelle nere possono stare tranquillamente in pieno sole.

Irrigazione

Dalla primavera fino all’autunno le irrigazioni devono essere costanti, occorre però aspettare che il terriccio si sia completamente asciugato (anche in profondità) tra una irrigazione e l’altra, per esserne certi basterà inserire un dito nella terra.

Le irrigazioni generalmente andranno sospese del tutto in inverno, ovvero durante il riposo vegetativo della pianta, ma se tenete la pianta in luoghi piuttosto secchi, potete procedere a bagnarla leggermente una o due volte al mese.

Se vivete in una zona particolarmente piovosa fate attenzione alle piante in terra, potete controllare il pericolo di eventuale marciume osservando l’ingiallimento delle foglie (diverso dal colore naturale).

pianta grassa a forma di rosa
Pianta aeonium Foto©Pixabay)

Rinvaso

L’aeonium non sopporta assolutamente i ristagni idrici, per questo motivo non si può inserire in vasi più grandi delle sue effettive dimensioni.

Essendo una pianta a crescita rapida, il rinvaso sarà necessario almeno 1 volta l’anno e andrà effettuato a metà autunno o a fine inverno. Per farlo occorre semplicemente spostare la pianta con tutto il suo terriccio in un vaso più grande, riempiendo con sabbia se necessario.

Concimazione

La fertilizzazione non è necessaria per l’aeonium piantato in terra. Per le piante in vaso occorre acquistare un prodotto specifico per piante cactacee o succulente e distribuirlo, durante la fase di ripresa vegetativa, due o tre volte in forma liquida quando si anaffia.

Potatura

Generalmente l’aeonium non si pota, ma essendo una pianta con radici sottili e molto superficiali, può accadere che la pianta si alzi troppo e cadendo le tiri via dalla terra.

Se pensate che la vostra pianta si stia alzando troppo e vedete questo pericolo potete pensare di potarla per ridurre il peso e contemporaneamente ottenere delle talee da piantare in primavera per ottenere altre piante di aeonium.

Fioritura

Nel periodo della fioritura (da metà inverno a primavera inoltrata), se la pianta è sana, i fiori spuntano in gran quantità. Sono formati da lunghi rametti che terminano in infiorescenze a forma di spiga piene di piccoli fiori di colore giallo, rosso, rosa e raramente bianco.

I fiori hanno una consistenza e un aspetto piumato e a maturazione completa liberano tantissimi piccoli semi scuri, che si possono usare per far nascere altre piante.

aeonium
Pianta grassa a forma di rosa (Foto©Pixabay)

Moltiplicazione della aeonium

L’aenonium si può moltiplicare con 3 metodi diversi, ognuno dei tre funziona abbastanza facilmente.

  • Semina, con questo metodo basterà spargere i semi (acquistati o presi da un’altra pianta) nel terriccio umido e aspettare la germinazione delle nuove piante;
  • Divisione dei cespi, con questo metodo si devono staccare dalla pianta le crescite in più, possibilmente laterali, e piantarle da un’altra parte aspettando che germoglino;
  • Talea di foglie o di rami, se effettuata in periodo primaverile attecchiscono facilmente, basta tagliare un fusto singolo e piantarlo in terriccio.

Malattie e parassiti

Come molte piante di questo tipo l’aeonium è estremamente resistente ai parassiti e alle malattie. L’unico suo vero timore è il marciume che può essere prevenuto facendo attenzione al terreno e alle irrigazioni. In particolare evitiamo di bagnare la parte superiore della pianta e facciamo attenzione alle foglie, se la stiamo bagnando troppo infatti, queste diventeranno immediatamente più molli e ingialliranno.

Proprietà e benefici

L’aeonium, come molte piante grasse, è facile da coltivare e da tenere in casa e proprio in casa può apportare diversi benefici alla nostra vita, ad esempio una scorta di ossigeno a disposizione, aria purificata da tossine, migliore concentrazione e benessere in generale.

L’unica nota negativa è che sono molto pericolose per gli animali, possono avvelenarli seriamente se ingerite, perciò attenzione a metterle in luoghi dove non possono arrivare.

Varietà di aeonium

Il genere aeonium è abbastanza ampio, nel nostro paese tuttavia le specie più diffuse e coltivate sono:

  • Aeonium arborum, è la specie più alta e più simile a un piccolo albero, in terra cresce anche fino a 2 metri, in vaso non supera gli 80 cm;
  • Aeonium tabuliforme, è la specie più bassa, arriva al massimo a 10 cm ma in compenso cresce in larghezza e le sue rosette arrivano ad essere quasi piatte;
  • Aeonium balsamiferum, specie particolarmente profumata con steli imponenti e belle rosette apicali, fa fiori color giallo acceso.
Ideatrice e blogger di Coltivare.info, fin da piccola ho vissuto in campagna insieme ai miei genitori che coltivavano e ai miei zii che discutevano di vino e periodi giusti per seminare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.