Come coltivare alstroemeria

Forse avrai notato i suoi fiori per la bellezza dei colori e la particolarità dei petali: la pianta dell’alstroemeria si sta diffondendo sempre più poiché i suoi colori esotici sono amatissimi e donano un particolare sapore sudamericano al giardino.

Se ami sperimentare il tuo pollice verde con nuove piante super colorate, ti consigliamo di provare anche con l’alstroemeria, una pianta che ti regalerà fiori meravigliosi e colori intensi, soprattutto nei periodi più caldi. Ecco tutto ciò che devi sapere su come coltivarla.

LEGGI ANCHE: Ornitogallo

Le origini dell’alstroemeria

I colori esotici ovviamente sono già di per sé sintomo di una pianta che sicuramente non è originaria del continente europeo, ed effettivamente è così: l’alstroemeria nasce in Sud America ed è stata importata soltanto successivamente nel continente europeo per la bellezza dei fiori che la contraddistinguono.

Viene chiamata anche “giglio peruviano” o “giglio degli Inca”, proprio in considerazione del suo luogo d’origine. È facile riconoscerla: le sue foglie sottili e lunghe splendono di un verde molto brillante e i fiori sono molto somiglianti a gigli dalle dimensioni ridotte, fatto da cui derivano i nomi con cui la pianta viene identificata. I petali possono essere di tutti i colori, ma sempre molto accesi; la particolarità sono delle decorazioni tigrate che in essi si trovano.

alstromeria

alstroemeria fiore (Foto©Instagram-marco2790)

Coltivare l’alstroemeria: terreno ed esposizione

Dopo aver capito qual è la sua storia e il suo significato, possiamo ora passare a parlare della coltivazione dell’alstroemeria, partendo dal terreno e dall’esposizione che essa predilige. Innanzitutto devi sapere che, anche se non sei un pollice verde da molto tempo, puoi provare a coltivarla senza troppi problemi perché è molto semplice da curare.

Per quanto riguarda l’esposizione, sebbene la pianta resista anche a temperature piuttosto rigide, è opportuno collocarla in pieno Sole, soprattutto per affrontare i periodi invernali. Per quanto riguarda invece il terreno, è meglio se esso sia ricco di sostanza organica e ben drenato, soprattutto per evitare quel pericoloso ristagno che potrebbe mettere a rischio la salute della pianta stessa.

Messa a dimora dell’alstroemeria

Una volta scelto il terreno e selezionata l’esposizione corretta, puoi iniziare a piantare concretamente la tua alstroemeria. Se vuoi coltivarla direttamente a terra, devi ben drenare il terreno, sottoponendolo ad un’operazione di vangatura in modo da renderlo il più tenero possibile.

Successivamente non dovrai fare altro che formare delle buche abbastanza profonde, ovvero circa di 15/20 cm, in cui andrai ad inserire il bulbo dell’alstroemeria di modo che le radici che poi cresceranno, riusciranno ad aderire bene al terreno. Non spaventarti se non vedi subito crescere la pianta: essa si mostrerà soltanto da tarda primavera.

L’alstroemeria in vaso

Ovviamente oltre all’opzione a terra, è possibile mettere a dimora la pianta direttamente in vaso. Anche in questo caso devi ben umidificare il terreno in cui andrà ad essere inserito il tuo giglio peruviano.

Cerca di adoperare un vaso abbastanza capiente in modo che le radici, che hanno molto bisogno di spazio, non soffrano troppo la strettezza in cui possono trovarsi. Le zolle da mettere a dimora dovranno essere inserite ad una profondità di 15/20 cm. Anche in questo caso la pianta non si farà subito vedere, ma apparirà durante il periodo estivo.

alstroemeria semi

alstroemeria (foto©Instagram-valentina.s88)

Irrigazione e concimazione dell’alstroemeria

Il giglio degli Inca ha ovviamente bisogno di qualche attenzione particolare, come per ogni altro fiore. In particolar modo per quanto riguarda l’irrigazione, essa deve essere sempre costante, soprattutto nei periodi più caldi, ovvero dalla fine della primavera fino alla fine dell’estate. La pianta ha poi bisogno di essere annaffiata in modo regolare anche durante l’inverno, evitando però i ristagni idrici.

Se vuoi rafforzare la tua pianta con pratiche di concimazione, ci sono alcuni elementi che più di altri potresti inserire nel terreno, come il rame o il zinco, ma anche l’azoto per permettere alla pianta di crescere ancora più rigogliosa.

Per l’astroemeria la potatura non è necessaria, bastano che vengono recisi i rami deboli e secchi.

Malattie e parassiti dell’alstroemeria

L’alstroemeria con i fiori simili ai gigli, una volta piantata, non richiede particolari cure o attenzioni, anche perché oltre ad essere ben resistente, non è soggetta a particolari tipi di malattie e parassiti.

Gli unici pericoli che si possono incontrare, potrebbero essere gli afidi e l’oidio come la maggior parte delle piante. Non occorrono particolari cure, ma magari per prevenire puoi comunque avvalerti di prodotti a base di zolfo per evitare possibili rischi. Sono molto efficaci anche gli antiparassitari all’ortica o all’equiseto.

Ecco dunque quali sono i consigli basilari per la coltivazione della alstroemeria aurantiaca. I suoi fiori sono davvero spettacolari e potranno arricchire il tuo giardino di colori dalle parvenze esotiche.

Non è nemmeno troppo difficile da coltivare, per cui puoi benissimo metterti alla prova anche se sei alle prime armi con questo tipo di lavori. L’estate nel tuo giardino e nella tua casa sarà di sicuro molto più colorata e fantasiosa grazie a questo antico giglio degli Inca.

alstroemeria bianca

alstroemeria (foto©Instagram-gio_pranter)

Significato dell’alstroemeria

Come per ogni fiore che si rispetti, anche il fiore dell’alstroemeria ha un proprio significato che lo contraddistingue dagli altri. Già nella storia ebbe diversi significati e in particolar modo è legata alla popolazione Inca dalla quale la pianta era molto amata. Essa in quel tempo simboleggiava una forza positiva che si opponeva a qualunque forza negativa.

Oggi il suo significato è leggermente cambiato, ma è pur sempre legato alla positività che questa bellissima pianta nella sua eleganza porta con sé: in particolar modo può diventare un bel dono se vuoi celebrare un’amicizia profonda o appena “sbocciata”, sempre per rimanere nel Mondo floreale.

alstroemeria bulbi

alstroemeria significato (foto©Instagram-
simona_sirio)

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *