petunie

Come coltivare petunia e surfine

Quando si pensa al sud America subito si pensa a una festa di colori incontenibile e irresistibile e niente può esprimere questa regione dell’America quanto la petunia, quale nei mesi primaverili ti potrà trasportare in questi climi caldi e pieni di contraddizioni. Non rimane altro che scoprirla in tutta la sua essenza e imparare a coltivarla.

La pianta di petunia

Direttamente dall’America meridionale arriva la petunia, pianta che può essere annuale o perenne e che si sviluppa in cespugli grandi fino a 60 cm o, altre volte, si sviluppa in altezza. I fusti sono erbacei e le foglie di un colore verde chiaro e ricoperte da una delicata peluria. Sicuramente i protagonisti della pianta sono i fiori, tubolari, illuminano il giardino o il terrazzo di casa attraverso fucsia e viola sgargianti. Nel loro schiudersi si aprono al mondo con una forma a campana, rilasciando tutto il loro profumo.

surfinie colori

Petunia surfinia (Foto©Pixabay)

Coltivare petunia: quando e dove

In quanto è prevista la fioritura il momento migliore per coltivare la petunia è sicuramente durante la fine dell’inverno. Questi cespugli, inoltre, possono veramente essere coltivati ovunque, infatti potrai piantarli sia in pieno giardino che in vaso.

Terreno

Il terreno perfetto per la petunia è sicuramente fertile, proprio per favorirne la crescita, a proposito consiglio vivamente di mischiare il terriccio a del semplice letame maturo. Inoltre, il terreno non deve essere calcareo, a questo scopo si potrebbe aggiungere al tutto un po’ di corteggia sbriciolata.

Esposizione

La petunia ha bisogno di un’esposizione in pieno sole, infatti deve essere illuminata per almeno 6 ore al giorno. Inoltre, dovrà essere riparata dal vento e dai grandi freddi che non sopporta; consiglio di ripararla nel momento in cui vengono raggiunti i 19°C.

surfinia pianta

Fiori petunie (Foto©Pixabay)

Semina

La semina, come già detto, deve avere luogo durante la fine dell’inverno. I semini dovranno essere posti in un luogo chiuso come un semenzaio e piantati nel terriccio. Quest’ultimo dovrà essere irrigato non eccessivamente e posto in una zona umida, tale umidità deve essere controllata e mantenuta. Dopo poco tempo spunteranno i germogli pronti per la messa a dimora.

Trapianto

Il trapianto è molto semplice da eseguire, ma non deve essere trascurato per un’ottima crescita del fiore. Dovrà essere effettuato in un vaso grande e con l’utilizzo di un terreno fertilizzato e simile a quello che precedentemente utilizzato. Una volta trapiantata la petunia e dopo aver irrigato con moderazione il terreno, non scordarti di eliminare tutti i fiori secchi che potrebbero essere veicolo di malattie.

Irrigazione

Le irrigazioni sono fondamentali per questo tipo di pianta che proprio attraverso queste diventa rigogliosa e forte. Se durante i periodi più freddi le annaffiature devono essere moderate, in quanto possiamo affidarci alle piogge; durante l’estate e nei periodi di siccità si necessita di irrigazione ogni 2/3 giorni, nonostante non si debba mai esagerare per non causare marciumi.

petunia pianta

Petunia coltivazione (Foto©Pixabay)

Concimazione

Da questo punto di vista la petunia non necessita di molte cure, infatti basterà aggiungere al terreno del compost o letame maturo.

Fioritura

Come la maggior parte delle piante anche questa ha la sua fioritura tra la primavera e l’autunno, stagioni che grazie alla petunia diventeranno ancora più colorate e vive, senza alcuna riserva, passando dal viola a giallo più acceso.

Potatura e cimatura

Proprio alla fine della fioritura sarà possibile effettuare una potatura che non solo renderà più florida la pianta, ma la riuscirà a mantenere in una condizione di vita sana. In primo luogo taglia i fusti alla base per incentivare la produzione di fiori, in secondo luogo elimina fiori appassiti e foglie ingiallite che molto spesso sono veicolo di malattie e potrebbero danneggiare l’intero cespuglio.

petunia pianta

Petunia coltivazione (Foto©Pixabay)

Moltiplicazione della pianta di petunia

La moltiplicazione avviene principalmente tramite semina, precedentemente illustrata.

Malattie e parassiti della petunia

Da questo punto di vista la petunia non subisce forti attacchi, anzi è una delle piante più forti. Oltre a essere soggetta a marciumi dovuti a ristagni idrici, i principali parassiti sono i comunissimi afidi e i riconoscibili ragnetti rossi che devono essere contrastati con prodotti appositi, per non danneggiare la pianta.

Proprietà e Benefici

La petunia non ha particolari proprietà o benefici.

petunia fioritura

Surfinia fiore (Foto©Pixabay)

Curiosità

Se adesso la petunia ricopre accezioni del tutto positive, fino a poco tempo fa non si poteva dire lo stesso. Questo fiore, infatti, fino nell’antica Inghilterra simboleggiava lo scoppio d’ira, l’irritazione, la collera l’indignazione o ancor di più il rancore.

Varietà di petunie

Generalmente le varietà di petunie, per quante ce ne siano, non presentano differenze sostanziali se non nei fiori che si distinguono per forma e per colore. Le due varietà più conosciute sono: la petunia nyctaginiflora, direttamente dalla calda Argentina con le sue foglie allungate e i suoi fiori bianchi, poco comuni per questa specie. Vi è poi la petunia violacea, questa volta originaria del Brasile e questa volta con le foglie ovali, produce fiori piccoli di colore rosso. Proprio queste due varietà hanno dato vita a moltissimi ibridi che si differenziano non solo per i colori dei fiori, ma per il portamento della pianta stessa.

Significato dei fiori: petunia

Proprio per la vastissima fioritura e la grande gamma di colori che caratterizzano la petunia, il significato dei suoi fiori non può essere altro che “amore che non può essere nascosto”, in tutta la sua potenza e la sua forza d’urto come lo è la fioritura di questo strabiliante cespuglio.

petunie e surfinie

Pianta surfinia (Foto©Pixabay)

Ultimo aggiornamento il 19 Ottobre 2021 6:19

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.