pianta di sambuco

Come coltivare sambuco

Scegliere di coltivare il sambuco è tra le scelte maggiormente apprezzate grazie alle proprietà di cui è dotato.

La coltivazione è a prova di principiante e non prevede particolari attenzioni; che sia per marmellate o sia per rimedi naturali contro i malanni il sambuco è di gran lunga la bacca maggiormente apprezzata.

La pianta di sambuco

Il sambuco, meglio noto come sambucus, è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Caprifoliaceae.

Questa è di grandi dimensioni e talvolta assume la forma di piccolo albero che può raggiungere un massimo di 10 metri. Non è difficile scovarlo tra i boschi planiziari e submontani.

La pianta di sambuco si presenta con rami dal midollo spesso, bianco e leggerissimo, il cui legno è largamente utilizzato per la costruzione di giocattoli popolari come la cerbottana Le foglie sono opposte e di solito la pianta presenta alcune foglioline, in genere cinque, lanceolate e appuntite con margini seghettati.

I famosi fiori di sambuco sono ermafroditi e germogliano in primavera. Questi si presentano di piccole dimensioni, bianchi e profumatissimi. Le bacche di colore nero violaco sono il punto cardine di questa pianta e rappresentano un valido colorante per i vini o come esca nella pesca dei cavedani.

sambuco frutti

Bacche di sambuco (Foto©Pixabay)

Coltivare sambuco

La pianta aromatica e commestibile di sambuco viene coltivato anche dai meno esperti, grazie alla facilità con la quale conduce la propria crescita a prescindere dalle cure. Apprezzata anche come elegante pianta ornamentale, la scelta di coltivare la pianta di sambuco svetta in classifica tra le richieste maggiori. Qui di seguito o alcuni utili consigli per avviare una copiosa coltura di sambuco.

Esposizione

Anche se non è difficile individuare il sambuco in zone semi ombreggiate, è bene sapere che questa pianta predilige zone soleggiate e ben esposte alla luce diretta, questa esposizione favorirà una copiosa e invidiabile fioritura e la conseguente crescita di bacche.

È importante sapere che ma tollera i venti forti ed è quindi preferibile che venga posizionata in una zona soleggiata ma ben riparata. Si consiglia per una riuscita maggiore un terreno particolarmente calcareo e con un buon tasso di umidità.

Irrigazione

Come già anticipato, la coltivazione è nettamente facilitata dall’adattabilità della pianta. In ogni caso per una maggiore riuscita è importante che la pianta di sambuco abbia acqua a sufficienza. In genere si accontenta dell’acqua piovana ma laddove il clima sia mite o tendente a periodi di siccità è bene intervenire con annaffiature regolari e abbondanti.

fiori di sambuco proprietà

Fiore sambuco (Foto©Pixabay)

Concime

Anche la concimazione della pianta di sambuco non va sottovalutata, questa pratica è in genere compito del periodo primaverile, in concomitanza con la ripresa vegetativa.

In questo periodo va inserito ai piedi delle piante soprattutto azoto, potassio e fosforo che ne favorirà la crescita copiosa di fiori e frutti.

Moltiplicazione del sambuco

La moltiplicazione della pianta di sambuco avviene tramite seme ma può facilmente moltiplicarsi anche tramite talea. Per semina bisogna sapere che si effettua interrando direttamente a dimore delle bacche ben mature in buche profonde circa 3 cm.

È importante che durante la coltivazione il terreno venga mantenuto costantemente umido e mai inzuppato, per evitare i dannosi ristagni idrici e le malattie fungine che ne comporta. Una volta ottenute nuove piante da seme, andranno diradate mentre le talee dovranno essere interrate a circa 30 cm e staccate poi nel corso della stagione autunnale. Le talee andranno recuperate attraverso il sapiente uso di cesoie ben affilate e disinfettate.

Il ricavo andrà poi messo a radicare in un miscuglio di torba e sabbia divise in parti uguali.

Potatura

Questa imponente pianta arbustiva andrà potata ogni anno prima della ripresa vegetativa, questa favorirà la fioritura e la produzione delle bacche. Durante questa pratica andranno potati i rami più vecchi mentre quello giovani andranno accorciati di circa 1 metro dalla superficie del suolo.

sambuco pianta

Sambuco nero (Foto©Pixabay)

Raccolto e conservazione

Del fiore di sambuco va conservato tutto e va raccolto allo stesso modo ogni parte. La raccolta di fiori e foglie di sambuco va da aprile a maggio, mentre i frutti si raccolgono a fine agosto. La corteccia, invece, andrà raccolta in autunno.

Per la conservazione, i fiori andranno fatti essiccare all’aria e in un luogo asciutto. Una volta terminato il processo di essiccazione si scuotono in sacchetti di carta per separarli dai raspi e andranno infine riposti in barattoli di vetro con chiusura ermetica. Le bacche si lavano sotto il getto corrente della fontana e andranno asciugati in un telo pulito, per poi essere congelate.

Proprietà e benefici: i fiori di sambuco

Che sia in cucina o per rimedi officinali, il sambuco offre un ventaglio di proposte invidiabili. In cucina viene usato per la preparazione di deliziose e aromatiche frittelle, torte, sciroppi e fresche insalate miste ricavate dalle bacche.

I fiori invece hanno numerose proprietà e benefici, infatti gli estratti sembrano avere efficacia nella cura delle infezioni dell’apparato respiratorio come bronchite o tosse.

Il sambuco è ricco di principi attivi grazie ai quali i fiori sono diuretici e hanno proprietà diaforetiche, emollienti, pettorali e rinfrescanti. Il tradizionale infuso di fiori di sambuco è un antico rimedio della nonna che ancora oggi viene largamente utilizzato.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.