Come creare i bancali
Creazione dei bancali nell’orto sinergico (Foto©Pixabay)
Advertisement

La realizzazione dei bancali rialzati per l’orto sinergico può avvenire in diversi modi. Questo metodo di coltivazione prevede la creazione di un cumulo rialzato di terra dove andremo a coltivare i nostri ortaggi.

Non c’è una maniera migliore per realizzarlo: dipende molto dai materiali che abbiamo a disposizione, dagli attrezzi e dallo spazio che destiniamo alle coltivazioni.

Vediamo in questo articolo qualche consiglio sulla creazione dei bancali per l’orto sinergico.

Come creare i bancali per orto. Il metodo classico

Il metodo più usato per la creazione dei bancali nell’orto sinergico è quello di munirsi di vanghe e pale e poi spostare la terra dalla zona dei camminamenti, sui bancali dove andremo a coltivare.

In questo modo andremo a creare una struttura rialzata di circa 20, 30 centimetri, che sarà in grado di drenare l’acqua in climi più umidi e creare uno spazio che non venga mai calpestato. Questa fase di lavorazione della terra è piuttosto faticosa, per questo è importante lavorare in gruppo per dividere il lavoro. Bisogna operare quando il terreno non è né troppo bagnato, né troppo secco o asciutto.

Per questa operazione possiamo usare anche una vanga forca che aiuterà ad arieggiare il terreno lungo i bancali e i camminamenti. Questo tipo di lavorazione è un momento critico per il suolo, nell’operare dobbiamo cercare di non girare troppo gli strati del terreno per non danneggiare l’equilibrio microbiologico del suolo.

Nel giro di pochi mesi l’equilibrio si ristabilirà e come prevede l’agricoltura sinergica il terreno non sarà mai più lavorato.

Orto sinergico
Bancali per orto sinergico (Foto©Pixabay)

Forma e dimensione dei bancali

I bancali possono essere realizzati nelle forme più diverse, si prediligono le curve e linee che troviamo anche in natura. Per l’ideazione della forma possiamo dare sfogo alla creatività: possiamo fare ad esempio dei bancali a forma di spirale, oppure che richiamino un fiore con i petali che saranno i nostri bancali coltivati.

Quando progettiamo è molto importante calcolare le dimensioni in modo da riuscire sempre a raggiungere il centro delle aiuole senza mai calpestare il terreno.

La larghezza consigliata per i bancali nell’orto sinergico è di circa un metro, un metro e 20 centimetri. L’altezza può andare dai 15 ai 50 centimetri ma le misure ottimali sono tra i 20 e i 30 centimetri di altezza. Questo dipende molto da dove realizziamo il nostro orto, se ci troviamo in climi molto umidi e piovosi, è bene realizzare bancali più alti, viceversa in climi secchi e aridi dove dobbiamo raccogliere acqua, è preferibile non creare strutture troppo alte, anche per evitare una eccessiva evaporazione.

È bene calcolare anche la larghezza dei passaggi, in modo da poter passare comodamente con una eventuale carriola, senza calpestare le zone coltivate.

Coprire i bancali dopo la realizzazione delle forme

Una volta terminata la lavorazione dei bancali, se non riusciamo a trapiantare subito le nostre piantine, potremmo anche coprire il suolo con un telo, questo per evitare che si secchi troppo al sole se siamo in un periodo estivo o che non si compatti, o si dilavi, per piogge pesanti.

La pratica della copertura può aiutarci a raggiungere il grado di tempera del terreno, ovvero quello stato perfetto in cui il suolo non è troppo umido né compatto, e neanche troppo secco e asciutto. Quando il suolo è in tempera è pronto per accogliere le piante del nostro orto.

Quali materiali usare per pacciamare l’orto sinergico

Comunemente per la realizzazione di un orto sinergico si usa la paglia come pacciamatura, ma possiamo usare tanti altri materiali che la natura ci mette a disposizione. L’importante è che siano secchi come fieno, foglie, corteccia, sfalci d’erba etc.

La pacciamatura va sistemata sia sui camminamenti che sui bancali, è importante che tutto il suolo del nostro orto sia coperto. La pacciamatura oltre a proteggere suolo e piante, aiuta anche a contenere il proliferare delle erbe spontanee.

Esempio di materiali naturali per pacciamare i bancali:

  • paglia
  • fieno
  • corteccia
  • foglie
  • cartoni (preferire quelli senza colle)
  • sfalci d’erba
  • potature triturate (cippato)

Sebbene la paglia sia il materiale più usato per coprire i bancali di un orto sinergico, in genere è bene preferire il materiale organico naturale che abbiamo più facilmente disposizione nel nostro orto o giardino, in modo da semplificare il lavoro e usare ogni risorsa che la natura ci dona.

69,80€
disponibile
2 new from 69,80€
4 used from 61,97€
as of 26 Maggio 2022 16:32
Ultimo aggiornamento il 26 Maggio 2022 16:32
Ideatrice e blogger di Coltivare.info, fin da piccola ho vissuto in campagna insieme ai miei genitori che coltivavano e ai miei zii che discutevano di vino e periodi giusti per seminare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.