fiori edibili

Elenco di tutti i fiori commestibili

Moltissimi fiori oltre ad arricchire il tuo giardino sono eduli, ovvero commestibili. Proprio così, li puoi mangiare.

Certo però non sono molto usati e quindi sul loro utilizzo in cucina poco si sa ancora. Per sanare, quindi, ogni tuo dubbio qui spiegherò cosa intendo per fiori commestibili, dove è possibile reperirli e prenderò in esame alcuni di essi, quelli più interessanti.

I fiori commestibili

Esistono- e vengono anche consumati ormai da molto tempo- i fiori commestibili con i quali non solo adornare vari piatti, ma renderli anche più buoni e profumati. Insomma a poco i fiori eduli possono rendere un’insalata oppure qualsiasi altro piatto sicuramente più interessante.

fiori commestibili elenco

Fiori che si mangiano (Foto©Instagram-fattoriadelleerbe)

Dove si comprano i fiori eduli?

Se li si conosce bene i fiori eduli possono essere raccolti grazie a una tranquilla scampagnata, ma se così non fosse o si desiderasse essere più sicuri, allora potrai trovarli facilmente da qualsiasi vivaio, ultimamente anche in supermercati molto forniti.

Quali sono i fiori commestibili

Nonostante parlerò di alcuni nello specifico, molti sono i fiori commestibili più o meno conosciuti, quindi tanto vale citarne alcuni.

Sono commestibili i fiori di arancio, borragine, calendula, carota, basilico, lavanda, lillà, magnolia, zucca e zucchina come è noto, ma anche sambuco, quale è altrettanto noto soprattutto tra gli appassionati di liquori.

Primule

Le primule sono dei fiori abbastanza comuni che spuntano all’inizio della primavera soprattutto vicino all’acqua o nei prati. Li potrai riconoscere dai loro quattro petali bianchi, giallognoli vicino al pistillo.

In cucina queste sono usate ovunque, per colorare insalate, minestre, piatti a base di carne, frittate, ma anche dolci, in alcune regioni viene frequentemente abbinata alla lattuga. La primula donerà al piatto un accento saporito, infatti questa ha un gusto intenso.

Margherite

La margherita è tra i fiori più comuni, cresce dovunque e ha un aspetto iconico con i suoi petali bianchi e il suo pistillo bianco. Si raccoglie da marzo a giugno e la si può far essiccare tranquillamente all’ombra, per poi conservarla in dei vasetti.

Principalmente questo fiore viene utilizzato per condire insalate, ma se si cerca bene si potranno trovare anche ricette di risotti con margherita o di zuppe che utilizzino questo fiore, il suo sapore è amarognolo.

foglie commestibili

Fiori di margherita (Foto©Pixabay)

Viola del pensiero

La viola del pensiero come dice il suo stesso nome è un fiore dalla corolla viola, ma anche gialla, l’avrai potuta ammirare in “Alice nel paese delle meraviglie”. Solitamente questo fiore si raccoglie di mattina presto, lasciandolo poi essiccare al buio per essere conservato. Come la primula anche la viola del pensiero è molto versatile, la potrai usare per preparare dei gelati, dei canditi o per friggerli in pastella. Il suo sapore è molto intenso.

Camomilla

Anche la camomilla è un fiore assai diffuso, soprattutto perché molto apprezzato è l’infuso che si prepara con essa. Il suo aspetto è molto simile a quello di una margherita.

La camomilla, come già detto viene principalmente utilizzata per delle tisane, ma può essere anche un ottimo ingrediente per biscotti o muffin, in quanto il suo sapore è molto dolce.

Gelsomino

Il gelsomino lo puoi riconoscere dai suoi cinque petali bianchi ben distanziati che lo caratterizzano. Inoltre, questo fiore è ammirato proprio per la sua fragranza rinomata, tanto da utilizzarlo sono solo con olii essenziali, ma anche per tisane. In realtà questo fiore si può utilizzare anche per preparare dolci, in quanto ha un sapore dolce.

fiori eduli secchi

Fiori gelsomino (Foto©Pixabay)

Geranei

I geranei sono quei fiorellini che con le loro tantissime varietà colorano il giardino di fucsia, rosso e rosa. Vengono utilizzati in molti piatti come frittate e dolci, ma anche accompagnati a formaggi come la ricotta. Sono usati pure per preparare vini o liquori. Il loro gusto è molto delicato e fruttato, ovvero unico.

Rosa

La rosa la conoscono ormai tutti benissimo, soprattutto come fiore degli innamorati. Questa si raccoglie tra maggio e settembre e le sue varietà sono tantissime.

Usata per accompagnare formaggi, ci si possono preparare anche ottimi gelati o accompagnarci piatti a base di carne o pesce, ma anche insalate, ciò per il suo profumo intenso. Il suo sapore è anch’esso dolce e delicato.

Ibisco

Anche l’ibisco e un fiore edule, quest’ultimo è fiore di grandi dimensioni dal colore rosso. Di varietà ne esistono moltissime, ma quella utilizzata maggiormente in cucina è la rosella, conosciuta così forse perché assomiglia a una rosa. Lo si può utilizzare non solo per la preparazione di tè, ma anche di marmellate o per condire insalate. Il suo sapore ricorda l’amarena.

Ultimo aggiornamento il 18 Ottobre 2021 23:24

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.