tipi di pomodori

Pomodoro Costoluto

Il pomodoro può considerarsi, insieme al caffè, un’immancabile sulla tavola italiana. Da sempre apprezzato e versatile in cucina, è tra gli ortaggi maggiormente corteggiati in giardino. Dopo avere spiegato come coltivare pomodori nel generico, ora passerò a presentarvi i vari tipi di pomodori esistenti in natura.

Qui ci occuperemo in particolare del pomodoro costoluto, una varietà conosciuta anche come pomodoro fiorentino e straordinariamente saporita per sughi e insalate.

Il pomodoro costoluto

Rosso, succoso e gustoso. Il pomodoro costoluto o pomodoro fiorentino può essere rapidamente descritto sotto questi tre aggettivi. Come si evince dal nome il frutto ha una forma globosa e appiattita, molto costoluta. In media un grappolo è costituito da 3 o 4 pomodori e ogni pianta può rendere mediamente 5 kg. In genere il raccolto può effettuarsi quando il frutto è verde/rosa nel caso delle insalate o rosso nel caso dei sughi. Ad ogni modo il pomodoro fiorentino costituisce una scelta vincente per chi ha il desiderio di un ortaggio saporito, salutar e facile da coltivare. Qui di seguito tutto ciò di cui necessita la pianta.

tipi di pomodoro

Pomodori costoluti (Foto©Instagram-enrico_bonacossa)

Terreno ed esposizione

Il pomodoro è corteggiato dai coltivatori soprattutto per la versatilità di cui è dotato. Questo ortaggio infatti è in grado di crescere su quasi tutti i terreni ma predilige quelli con un maggior numero di sostanze organiche, irrigui, drenati e a medio impasto. Su questi ultimi infatti svettano le possibilità di risultati ottimali. Questo si adatta alle più disparate condizioni climatiche, preferendo quello caldo e temperato mentre in inverno si consiglia di coltivarlo in serra. E’ flessibile anche per quanto riguarda l’esposizione, che sia a mezz’ombra o esposta al sole.

Trapianto

Per il passaggio del trapianto nel pomodoro fiorentino è importante non sottovalutare due fattori: che sia  fatto nelle ore fresche del mattino e che il terreno sia ben umido. A questo punto, dopo le dovute accortezze, si può procedere al passaggio. Bisognerà inumidire bene la zolletta prima dell’impianto al suolo per facilitarne l’attecchimento e dovrà poi essere interrata solo la zolletta. E’ preferibile in giardino coltivarli in fila e separare una pianta dall’altra di 35 – 40 cm.

pomodoro casalino

Pomodoro costoluto fiorentino (Foto©Instagram-tramanh_)

Irrigazione

Tra le cure richieste del pomodoro costoluto da non sottovalutare è quella dell’irrigazione.  Questo passaggio è fondamentale soprattutto durante la stagione calda. E’ consigliato, per un maggior risultato e il risparmio idrico, l’impianto a goccia con manichetta forata gestita da un elettrovalvola. Nel caso in cui non fosse possibile disporre di questo, allora è importante innaffiarlo a intervalli regolari ed evitare squilibri idrici. Attenzione però con l’abbondanza d’acqua: il ristagno idrico è uno degli acerrimi nemici per eccellenza e portatore sano di danni permanenti.

Concimazione

Per garantire il terreno fertile e ricco di sostanze organiche di cui necessita il pomodoro costoluto, è importante prestare attenzione alla concimazione. Si consiglia, per un risultato ottimale, di concimare il terreno con letame fermentato maturo e compost o con concimi minerali a rilascio graduale di azoto, fosforo e potassio. Per quanto concerne invece la concimazione da copertura, è richiesta a cadenza settimanale l’utilizzo di concimi minerali equilibrati contenenti azoto, fosforo, potassio, ferro e magnesio.

Scacchiatura o sfemminellatura (Potatura)

Una pratica diffusa che ogni pollice verde conosce per garantire salute alla propria pianta è la potatura. Nel caso del pomodoro fiorentino parliamo di scacchiatura o sfemminellatura: si tratta di una pratica che prevede l’eliminazione dei germogli ascellari. Questa garantisce il doppio della produttività.

Eventualmente si può scegliere anche di procedere con la cimatura dell’apice dopo il quarto o quinto palco fiorale. Questa anticipa invece la maturazione.

pomodoro tipi

Costoluto fiorentino (Foto©Instagram-verafrutta)

Raccolto

Il momento atteso per eccellenza, soprattutto per il palato, è quello del raccolto. Il pomodoro costoluto o fiorentino è indicato per insalate o sughi e a seconda dell’utilizzo bisognerà raccoglierlo verde, nel caso delle insalate, rosso vivo nel caso invece dei sughi. I pomodori da conserva infatti richiedono la completa maturazione. In genere la raccolta dista dal trapianto 60 – 80 giorni e una pianta può creare dai 2 ai 5 kg di frutti.

Malattie e parassiti

Il nemico per eccellezza delle nostre colture sono le malattie e i parassiti. Conoscerne cause e rimedi può evitare che la pianta si danneggi. Innanzitutto è importante sapere che eliminare le piante infestanti e provvedere a una adeguata pacciamatura può drasticamente ridurre il rischio che si estendano malattie funginee.

Tra le malattie più diffuse che i pomodori possono contrarre troviamo il marciume del colletto: una malattia che si manifesta con un marciume secco e bruno a livello del colletto e le foglie si staccheranno con notevole facilità; la tracheomicosi: che si manifesta con ingiallimenti e la cui prevenzione è legata alla sterilizzazione del terreno e ancora: il mal bianco. Tra i parassiti a cui bisogna prestare attenzione troviamo: la Nottua Gialla, una larva che aggredisce foglie, fiori e frutti e la Tuta, un microlepidottero diffuso di recente nelle coltivazioni di pomodori.

Consociazioni

Le consociazioni permettono a chi ha a disposizione uno spazio esterno limitato di abbinare più colture insieme e ottenerne poi risultati vantaggiosi. Al pomodoro costoluto vanno abbinati aglio, carote, cavoli, cicoria, insalate da taglio, lattuga, mais, menta, porri, prezzemolo, ravanello, rape, sedano e spinaci. Sconsigliati come consociazione al pomodoro fiorentino sono cetrioli, finocchi, patate e piselli.

il pomodoro rosso

Pomodori fiorentini (Foto©Instagram-sebastiensimondi)

16,97€
17,08
disponibile
1 nuovo da 16,97€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 24 Settembre 2020 13:03

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.