Come coltivare cassia

In questo articolo vedremo come coltivare la cassia una pianta originaria dell’Africa orientale. La coltivazione della cassia avviene sia per le sue grandi proprietà lassative (ottima per chi soffre di stitichezza e intestino pigro) e sia per scopi ornamentali, infatti i fiori della senna assomigliano a quelli del glicine e della ginestra.

LEGGI ANCHE: Angelica

La pianta di cassia

Il nome botanico è Cassia angustifolia detta anche Senna o Cassia senna; è una pianta appartenente alla famiglia Leguminose e della sottofamiglia della Cesalpinioidee e della tribù Cassieae. La cassia è un sempreverde di medie dimensioni che solo in alcuni casi riesce ad arrivare ai due metri d’altezza. Le foglie della pianta cassia nascono alterne su dei rametti; il numero delle foglie varia da 5 a 9 a seconda della specie di cassia, e sono simile a quelle delle rose. I fiori della cassia sono di colore giallo acceso con filamenti bluastri, questi si presentano a grappoli di cinque sulle estremità dell’arbusto, questi decorano il giardino da fine primavera ai primi mesi dell’estate. Il frutto della cassia è un legume lungo e secco come un fagiolo al cui interno si trovano dai 5 ai 8 semi di cassia.

Al genere Senna appartengono oltre 270 specie di piante. Visto che Senna e Cassia si somigliano notevolmente si fa fatica a distinguere quali sono le specie dell’una e dell’altra; infatti ancora oggi gli studiosi sono in disaccordo.

Cassia

Preparazione del terreno

Essendo una pianta africana la cassia predilige le zone calde e al riparo dai venti forti ma riesce ad adattarsi bene ad ogni contesto. Può resistere  anche a temperature sotto lo zero ma solo per brevi periodi. Per coltivare la cassia occorre un terreno composto da torba e sabbia.

Questa pianta può essere coltivata anche a partire dai semi, cioè con la riproduzione. Piantate i semi nel mese di marzo in un semenzaio coprendoli leggermente con un po’ di terriccio, quindi innaffiateli spesso; dopo qualche settimana potete piantare le piantine nel posto prescelto al riparo dal vento e in un luogo soleggiato.

cassia angustifolia

Irrigazione

Anche per quanto riguarda l’irrigazione la cassia non ha molte pretese; ha bisogno d’essere innaffiata poco e sono nei periodi di siccità, per il resto dell’anno gli basta la quantità di acqua che arriva dalle piogge.

Concimazione

Per avere una grande quantità di fiori grossi e belli, concimate la senna con del concime granulare complesso ricco di fosforo.

Raccolto

Per le grandi piantagioni industriali di cassia il raccolto si effettua con grandi macchinari che passano sulle piante e tagliano tutto sia foglie che rametti; invece nelle piccole coltivazioni è la mano dell’uomo che passa su ogni pianta a staccare le foglie con le forbici. Per entrambi i casi si passa poi al setacciamento separando le foglie dai rametti; questi poi verranno tritati a grandezza opportuna per preparare infusi, decotti e tisana per andare di corpo.

cassia pianta

Malattie e parassiti

Durante la crescita della pianta bisogna stare attenti alle infestazioni di afidi, larve minatrici e cocciniglie. Inoltre questo arbusto soffre anche di malattie fungine come i funghi cercospora e cladosporium.

Proprietà e Benefici

Come abbiamo detto le foglie di senna sono utilizzata prevalentemente in erboristeria per la preparazione di infusi e tisane come potente lassativo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *