Come coltivare margherite

Le margherite rappresentano in assoluto i fiori della primavera, colorate e di varie dimensioni donano al giardino o al balcone allegria e vitalità. La margherita è uno dei fiori più semplici da coltivare, sia in vaso che in giardino, con poche accortezze potrete avere un balcone fiorito per molti mesi dell’anno.

La pianta di margherita

Le margherite appartengono alla famiglia delle asteracee, il suo nome deriva il  Leucanthemum (dal greco  “leukos”, bianco, e “anthemon” fiore)  vulgare oppure il Bellis perennis, quest’ultima anche conosciuta come la pratolina comune. La pianta di margherita è erbacea perenne, cresce spontaneamente in tutta la zona mediterranea, essa ha in media un’altezza di 20 ai 90 cm, ha fiori dai petali bianchi e il centro giallo; le sue foglie hanno una forma allungata e seghettata.

margherite

Quando coltivare le margherite

Il periodo giusto per la coltivazione delle margherite è poco prima della primavera, cioè verso fine gennaio inizio febbraio a seconda del clima del territorio.

Condizioni climatiche per le margherite

Le margherite sono fiori che sanno adattarsi bene a contesti temperati che non scendono mai al di sotto dei 10°C . Essendo piante ricche di fiori amano stare esposte al sole per la maggior parte della giornata, di contro proprio per la delicatezza dei loro petali temono acquazzoni, grandine e raffiche di vento; proprio per quest’ultimo motivo le piantine vanno protette con ripari di legno e coprendo le radici con paglia.

Le necessità delle margherite variano a seconda del luogo di coltivazione:

Se le margherite vengono coltivate in campo aperto, come in giardino, esse per fiorire richiedono  una temperatura primaverile, inoltre terminato il ciclo di fioritura si deve riparare la pianta dal gelo e dalla neve, in attesa della prossima bella stagione.

Se invece le margherite sono coltivate in vaso e tenute in casa, basta mantenere l’ambiente intorno ai 15 gradi, in questo modo la pianta riesce ad essere fiorita quasi per tutto l’anno; rimane in quiescenza giusto 2 0 3 mesi d’inverno.

Preparazione del terreno per la margherite

Le margherita hanno bisogno di un terreno drenato e ricco di sostanze nutritive.

immagini margherite

La coltivazione delle margherite: semi o talee

  • Come coltivare le margherite partendo dai semi

Se avete semi di fiori da piantare,  fatelo nel mese di febbraio. In giardino pulite la terra da erba e sassi, spargete i semi ricopriteli con un sottile strato di terriccio e innaffiate leggermente. I semi in vaso vanno tenuti in un luogo al riparo fino alla nascita dei primi germogli.

  • Come coltivare le margherite con talee

Se volete subito un prato di margherite e avete già a disposizione delle piante potete utilizzare la tecnica della talea. Dalla pianta originaria tagliate un rametto di almeno 10 cm, lasciatelo in acqua per qualche giorno e poi piantatelo in vaso o in giardino; con questo metodo otterrete velocemente una nuova pianta simile a quella di partenza.

Trapianto

Anche il trapianto delle margherite è semplicissimo, basta procurarsi un vaso di grandi dimensioni o fare un fosso in giardino grande a contenere l’intera pianta e le sue radici. Subito dopo innaffiate.

Irrigazione

D’inverno l’irrigazione delle piante e praticamente inessenziale perché se le piante sono in giardino basta l’acqua piovana; d’estate invece bisogna innaffiare quotidianamente. Ricordate che le margherite non amano i ristagni d’acqua.

Concimazione

La concimazione delle margherite non è necessaria, ma se volete una fioritura più rigogliosa, a inizio primavera, potete utilizzare un concime granulare a lenta cessione.

Fioritura

I fiori di margherite si hanno per tutto il periodo della primavera fino a metà estate. Se le piante sono tenute all’interno a una temperatura superiore ai 10°C la fioritura si prolunga.

Potatura

Per potare una pianta di margherita munitevi di una forbice da giardiniere. Ispezionate la pianta e ogni volta che trovate rami secchi (che non hanno più nutrimento dalla pianta) tagliateli o spezzateli con le mani; stessa cosa va fatta con i fiori secchi o che stanno per appassire.

Moltiplicazione della pianta di margherite

La moltiplicazione delle piante di margherite abbiamo già detto che avviene per talea.

margherita pianta

Malattie e parassiti delle margherite

Avvizzimento della margherita: ha origine fungina, coinvolge il sistema vascolare della pianta ed è difficile da liberarsi. Riconoscere questa malattia è molto semplice, inizialmente la parte superiore della pianta diventa di un colore più chiaro, poi grigiastro; la pianta non cresce più e man mano parte di essa tende a seccare del tutto. Non potendo guarirla, l’unica cosa da fare è proteggere le altre piante intorno; quindi eliminate la pianta infetta e togliete anche il terriccio.

Trifidi e afidi: Steli, fiori e foglie si ricoprono di macchie o si deformano.

Bruchi minatori:sono bruchi che infettano le foglie togliendo linfa vitale alla pianta.

Coltivare margherite in vaso

Come abbiamo già detto coltivare margherite in vaso è ugualmente semplice. Scegliete vasi capienti di terracotta o di plastica che abbiano un diametro di almeno 15 cm, sul fondo mettete uno strato di argilla espansa e coprite con il terriccio.

Proprietà e Benefici

I fiori di margherita sono molto utilizzati anche in cucina per la preparazione dei ben noti infusi – utilizzati per calmare la tosse o dolori derivanti da coliche intestinali – e di molti piatti, soprattutto le insalate.

margherite gialle

Varietà di margherite

Le margherite gialle sono i fiori più comuni e conosciuti, hanno petali gialli e spesso crescono nei prati spontaneamente. Tra queste ci sono:

Rudbeckia: Sono margherite gialle alte fino a 100 cm che amano crescere al sole; si consiglia di non coltivarle all’ombra o dove c’è parecchio vento perché i fiori si rovinano facilmente e le piante si abbattono.

margherite gialle Rudbeckia

Tra le margherite bianche ci sono:

Chrysanthemum leucanthemum: Crescono spontaneamente nei campi e nei prati e sono un richiamo molto amato da insetti e farfalle.

margherite bianche

Chrysantheum maximum:  Si tratta di un crisantemo  originaria dei Pirenei, detta anche margherita gigante. È una pianta che cresce anche spontaneamente fino a 90cm d’altezza, la sua caratteristica sono i fiori molto grandi e bianchi dal diametro di 8 cm. Si adatta bene a qualunque ambiente.

Tra le margherite azzurre ci sono le Felicia amelloides che possono essere coltivate sia in vaso che in giardino per creare cespugli fioriti.

margherite azzurre - Felicia amelloides

Significato dei fiori: la margherita

Le margherite sono il simbolo della purezza del corpo e dello spirito, a loro si fa riferimento all’età della giovinezza. Donare una margherita a una persona amata è simbolo di riflessione perché non si è sicuri che l’altro risponda positivamente. I fiori della margherita rappresentano l’amore puro; chi di noi almeno una volta non ha strappato ad uno a uno i petali di una margherita per scoprire se il vero amore era corrisposto?

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.