Pacciamatura

Tra i metodi più diffusi e probabilmente anche più antichi per proteggere le tue piante e dar loro il giusto benessere nel terreno, c’è la pacciamatura, una tecnica di giardinaggio ideale anche per il tuo orto, che potrà aiutarti per molti problemi.

Orti e giardini sono parti della tua abitazione per le quali sempre bisogna avere un occhio di riguardo. Se dunque sei alle prime armi e non vuoi rinunciare al green nella tua casa, devi conoscere anche le tecniche più importanti per preservarlo.

Cos’è la pacciamatura

Niente di più semplice: la pacciamatura dell’orto è una pratica agricola che ti permette di dare la possibilità alle tue piante di crescere al meglio, coprendole con materiali, meglio se naturali o biodegradabili in grado di preservarne l’insorgere di problemi successivi. La pacciamatura è molto usata per i pomodori, zucchine e cipolle.

Questo significa che la pacciamatura può essere benissimo utilizzata anche se la tua idea è quella di avere un orto totalmente bio in cui non intaccare il sistema naturale che hai creato.

pacciamare

pacciamatura (Foto©Instagram-man_is_nature)

I vantaggi pratici di pacciamare l’orto

Con queste coperture che molto spesso puoi trovare nei negozi adibiti a giardinaggio, come ad esempio un  telo per pacciamatura biodegradabili, puoi innanzitutto liberare il tuo terreno da tutte quelle piante infestanti che con le loro radici impediscono alle piante da te seminate di nutrirsi e crescere.

Non solo: questo tipo di supporto può anche essere importante per le condizioni ambientali in cui le tue piante rimangono. Puoi infatti mantenere una buona umidità del terreno, soprattutto per quelle piante che ne hanno costantemente bisogno, oppure anche combattere gli sbalzi termici invernali che mettono sempre a rischio qualsiasi tipologia di pianta.

Quali materiali utilizzare come pacciame

Ultimamente in commercio ci sono tante varietà di teli per pacciamatura, ma non dimenticare che non sono sempre le soluzioni migliori: bisogna guardare con occhio critico i materiali utilizzati, soprattutto se essi sono plastica o tessuto.

Vista la grande prospettiva biologica che sta sempre più avanzando in questi anni, un’ottima idea può essere quella di adoperare teli biodegradabili, che di solito sono composti da lavorazioni del mais. L’unico svantaggio, se così si può dire, è che la loro durata è meno prolungata: non vanno oltre l’anno di attività.

telo pacciamatura

telo per pacciamare (Foto©Instagram-lallagiallastaagalla)

Non solo: un’idea viene dalla corteccia di pino

Ebbene sì, ti sembrerà strano, ma per pacciamare puoi anche utilizzare le cortecce per giardino. Molto utilizzata è solitamente quella di pino, ma non pensare che tu debba disboscare una foresta per averli: si trovano facilmente in mercato, addirittura in versione colorata.

Questo materiale totalmente naturale solitamente è utilizzato più per le piccole aiuole del giardino, che non hanno bisogno di una pacciamatura più complicata come invece prevede l’orto. Una volta comprata, non ti resta che distribuirla in modo omogeneo nella zona delle radici delle tue piante senza abbondare troppo, niente di più semplice.

Altri materiali green per la pacciamatura dell’ orto

Per una pacciamatura naturale non hai che l’imbarazzo della scelta. Per non complicare troppo le cose, se hai già diversi alberi nella tua zona green, puoi benissimo utilizzare il fogliame caduto degli stessi che di solito si trova proprio in corrispondenza delle radici.

Sembra anche che l’ortica e le piante aromatiche che molto facilmente, soprattutto quando iniziano i periodi più caldi, si trovano per le strade di campagna, siano una valida alternativa per pacciamare. Per chi invece abita in zone marittime è possibile provare le proprietà delle alghe che riescono ad agire esattamente come il fogliame.

corteccia per pacciamatura

Un’altra alternativa green molto utilizzata è la paglia

Molto diffusa nel Mondo del biologico è sicuramente la pacciamatura con paglia. Questo perché la paglia è un ottimo materiale naturale in grado di fungere da barriera contro gli sbalzi termici ma al contempo riesce a far traspirare le radici delle piante che potranno anche nutrirsi di acqua piovana.

È davvero un’ottima alternativa, soprattutto per chi ha ampie zone da pacciamare e si trova in zone agricole in cui è possibile reperire più facilmente questo tipo di materiale naturale, estremamente utile non solo per gli animali, ma anche per le piante.

pacciamatura significato

Pacciamatura (foto©Instagram-hortus_novariensis)

Quando effettuare la pacciamatura

Dopo aver visto quante sono le valide alternative per pacciamare l’orto, soprattutto per un approccio biologico, dobbiamo parlare di quando effettuare questa operazione. Di sicuro spesso avrai visto la pacciamatura delle fragole, proprio perché queste piante che fanno i loro frutti nei periodi caldi, hanno molto bisogno di essere coperte nel lungo periodo.

Di solito è una tecnica che va bene durante tutto l’arco dell’anno, ma essendo una modalità attraverso la quale è possibile prevenire i problemi delle piante soprattutto per quanto riguarda le temperature, conviene farla quando siamo agli inizi del caldo primaverile o agli inizi del freddo invernale. Solo così le tue piante potranno davvero mantenere una temperatura costante.

Abbiamo visto come la tecnica di pacciamatura sia piuttosto semplice da mettere in pratica. Il consiglio, visto che appunto non servono grandi abilità da pollice verde, è dunque quello di avere un occhio di riguardo per il materiale che utilizzi.

Il rispetto dell’ambiente, anche solo nei tuoi piccoli o importanti appezzamenti di terreno, è fondamentale non solo per il benessere delle tue piante, ma anche per il tuo stesso benessere. L’approccio green non deve essere solo una moda, ma una scelta di vita, anche per le tue piante.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *